Strutture ricettive - Aree di sosta

La legge regionale 2/2008 classifica le strutture ricettive in:

  • strutture ricettive alberghiere: gli alberghi - le residenze turistico-alberghiere - le residenze d’epoca - le locande - gli alberghi diffusi.
  • strutture ricettive all'aria aperta: i villaggi turistici - i campeggi.
  • altre strutture ricettive: case per ferie - ostelli per la gioventù - rifugi alpini ed escursionistici - affittacamere - bed & breakfast - case e appartamenti per vacanze - appartamenti ammobiliati ad uso turistico - aree di sosta - mini aree di sosta - agriturismo.

Sono aree di sosta le aree attrezzate riservate alla sosta e al parcheggio dei caravan e autocaravan omologati. Le aree di sosta sono dotate degli impianti e delle attrezzature previsti dall’articolo 185, comma 7 del decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 (nuovo codice della strada) e successive modifiche ed integrazioni e dall’articolo 378 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992 n. 495 (regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada).

La sosta dei caravan e autocaravan nelle aree di sosta è permessa per un periodo massimo di 36 ore nell’arco di 7 giorni consecutivi.
Durante la sosta i veicoli devono poggiare al suolo esclusivamente con le ruote, non emettere deflussi propri e non occupare gli stalli in misura eccedente il proprio ingombro.

Il gestore dell’area di sosta deve tenere un registro per l’annotazione delle targhe dei veicoli e dei periodi di sosta.

Le area di sosta devono essere:
a) realizzate in modo da permettere l’agevole accesso da parte dei veicoli, il deflusso delle acque meteoriche e non dare origine a sollevamento di polvere;
b) opportunamente dimensionate in relazione al minor impatto ambientale possibile;
c) indicate con appositi segnali stradali e segnaletica orizzontale;
d) dotate di sistema di illuminazione dei varchi e degli accessi, dei servizi igienici e relativi percorsi di accesso, tale da consentirne la fruibilità notturna in sicurezza.

Riferimenti di Legge: Legge regionale 7 febbraio 2008, n. 2; Regolamento Regionale 23 febbario 2010, n. 3.

Informazioni sul Procedimento: 
Per ottenere Informazioni sul Procedimento contattare lo Sportello tramite mail o telefonicamente
Nominativo soggetto potere sostitutivo: 

Caratteristiche procedimento

Silenzio Assenso: 
Si
Strumenti di tutela: 

T.A.R.

Modulo Scheda anagrafica