Autorizzazione paesaggistica

L'autorizzazione paesaggistica, ex articolo 146 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio), è un provvedimento autonomo e presupposto rispetto al rilascio degli altri titoli abilitativi l’intervento edilizio proposto e deve essere richiesta dai proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili o aree di notevole interesse pubblico sottoposti a tutela paesistica ai sensi di legge.

L’autorizzazione paesaggistica non è necessaria nei seguenti casi (art. 149 del D. Lgs. 42/2004):

  • 1. per gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l’aspetto esteriore degli edifici;
  • 2. per gli interventi inerenti l’esercizio dell’attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie ed altre opere civili, e sempre che si tratti di attività ed opere che non alterino l’assetto idrogeologico del territorio;
  • 3. per il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste indicati dall’articolo 142, comma 1, lettera g, purché previsti ed autorizzati in base alla normativa in materia.

In tutti gli altri casi, qualsiasi nuovo intervento ovvero modificazione che rechi pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione deve essere autorizzato.

L’iter procedurale e le tempistiche per il rilascio dell’autorizzazione sono stabiliti:

  • in caso di interventi soggetti a regime ordinario dal comma 7 dell’articolo 146 del D.Lgs. 42/2004
  • in caso di interventi soggetti a regime semplificato dal D.P.R. 9 luglio 2010, n. 139 - Regolamento recante procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di lieve entità, a norma dell'articolo 146, comma 9, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni.

L'autorizzazione e' valida per un periodo di cinque anni, scaduto il quale l'esecuzione dei progettati lavori deve essere sottoposta a nuova autorizzazione.

La documentazione necessaria per la verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti è individuata dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 dicembre 2005.

Responsabile del Procedimento: 
Nominativo soggetto potere sostitutivo: 

Pagamenti

Modalità di pagamento: 

Bollettino o bonifico

Caratteristiche procedimento

Provvedimento espresso: 
Si
Tipo provvedimento espresso: 
Autorizzazione
Istanza d'ufficio: 
No
Istanza di parte: 
Si
Silenzio Assenso: 
No
Strumenti di tutela: 

T.A.R.

Termine conclusione Procedimento: 
Per ottenere Informazioni sul Procedimento: contattare lo Sportello tramite mail o telefonicamente