Convenzione Tribunale per Lavori di pubblica utilità

 

LAVORI DI PUBBLICA UTILITA’

 

Il lavoro di pubblica utilità è una sanzione penale consistente nella prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni o presso enti e organizzazioni di assistenza sociale o volontariato.

 

Il Comunale di Finale Ligure ha stipulato apposita Convenzione con il Tribunale di Savona per accogliere persone ammesse a questo beneficio; a tal fine sono state, quindi, approvate con deliberazione della G.C.n. 99 del 26.05.2016 le Linee guida lavori di pubblica utilità e messa alla prova ai sensi dell'art. 54 del D. Lgs. n. 274 del 28.8.2000.

 

Riferimenti normativi:

Art. 54 D. Lgs. n. 274 del 28 Agosto 2000

Art. 3 L. n. 67 del 28 Aprile 2014

Regolamento del 09/06/2015. Modalità di svolgimento Lavoro di Pubblica Utilità

 

 

Modalità di accesso:

 

L'istanza può essere presentata dall'avvocato o direttamente dall'interessato e va inviata al seguente indirizzo di posta elettronica o pec

protocollo@comunefinaleligure.it

unionecomuni.finalese@pec-legal.it

oppure consegnata a mano o a mezzo posta all'Ufficio Protocollo del Comune nei seguenti orari:dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e il martedì e giovedì anche dalle ore 15,30 alle 17,30

 

L'istanza può essere presentata direttamente dall'interessato (modello A) o dal legale rappresentante (modello B), riferendo la tipologia di reato, la fase del procedimento penale, dati anagrafici,residenza e recapito telefonico dell'assistito e orari in cui potrebbe svolgere il lavoro di pubblica utilità.

 

  • L'Ente valuta la domanda e, se risulta essere già stato effettuato il colloquio con l'Uepe (nei casi di messa alla prova), fissa un appuntamento con l'interessato finalizzato all'elaborazione del progetto in cui devono essere fissati:

L'area in cui verrà svolta l'attività

Mansioni

Orari e giorni proposte per lo svolgimento dell'attività

Nominativo del referente dell'Ente che si occuperà di coordinare l'attività lavorativa

  • Se le necessità dell'Ente coincidono con gli impegni lavorativi, di studio o di famiglia del richiedente, il Comune rilascia dichiarazione di disponibilità sulla base della Convenzione stipulata con il Tribunale e il relativo progetto che dovrà essere sottoscritto da entrambe le parti per accettazione e quindi inviato all'Ufficio Uepe competente

  • Dopo l'udienza l'interessato dovrà far pervenire il dispositivo di sentenza in cui vengono stabilite le ore accordate.

  • Espletate tutte le ore indicate in sentenza, il Comune redige una breve relazione sull'andamento ed unitamente al foglio presenze verrà inviato copia agli enti di competenza ed all'interessato.